martedì 27 novembre 2007

consolazioni

Allora ora vi racconto la mattinata. Io sono perfettamente consapevole che, nonostante le apparenze, sono persona distratta e sostanzialmente un po' di fuori e quindi cerco di arginarmi da sola. Però a volte incontro gente che mi consola.

Allora l'altro giorno mi telefona il mio allergologo e mi dice:

- ragazza ti ricordavi che dovevi venire da me a inizio ottobre?
- e io (che ricordavo benissimo) infilo una serie di "ah, boh, guarda te mi ero dimenticata.."
- e lui, poco male vieni martedì mattina che si fanno le prove allergiche
- e io: a che ora?
- e lui: alle 8.45
- e io dentro di me impreco perchè arrivare a Careggi a quell'ora è un incubo

stamani mi alzo all'alba prendo la macchina e parto. Ci metto unoraetrentacinqueminuti per fare una strada che normalmente ci potresti mettere al massimo mezz'ora arrivo lì e chiedo all'infermiera. Lei mi guarda storto perchè chiaramente non avevo appuntamento e poi va a sentire. Esce e mi dice ma è proprio sicura? E io: certo sa mi ha chiamato lui l'altro giorno..

Rientra e dopo un po' riesce con la faccia perplessa e mi dice "aspetti qui che la chiama lui!"
e io aspetto: 5,10,15... minuti ad un certo punto

dlindlon: la signorina giovanna nella stanza 1
e io (che giovanna non mi chiamo per nulla) aspetto tranquilla con il mio librino in mano ... nel frattempo nessuno si alza per entrare
altri due tre minuti: dlindlon la signorina giovanna è urgentemente attesa nella stanza 1 e io lì tranquilla a pensare guarda te questa s'è dimenticata dell'appuntamento

si apre la porta e esce il mio dottore che mi guarda e mi fa "oh giovanna è dieci minuti che ti chiamo!" e io mi alzo con gli occhi addosso di 10 persone che mi avevano preso per deficiente (della serie guarda tu questa che non sa neanche come si chiama)..

entro e lui mi fa: "allora come stai?" e io: bene grazie.. e lui: "guarda te t'ho ridotto a un figurino (alludendo alla dieta talebana che è da aprile che mi obbliga a fare) e io: si vabbè dai ora sto bene prima ero un po' in carne... e lui: l'hai portata la dieta ... e io: certo e gli do tutti i miei foglietti

allora lui mi fa: bene continua proprio così... mi raccomando soprattutto a Natale niente Panettone... magari solo un po' di Pandoro (e io rosico perché il Pandoro non mi piace mentre il Panettone sì)... poi si alza mi da la mano e mi dice "sono proprio contento di trovarti così bene.. ciao ci vediamo presto!"

e io: scusa ma le prove allergiche non si fanno che mi hai chiamato apposta?
e lui: perché non le avevamo già fatte?
e io: no per niente e adesso tra l'altro se non si fanno ci rimango malissimo (dopo tutta la coda che ho fatto... la figura con le persone fuori..)
e lui allora: vabbè se te le vuoi proprio fare... per me si potrebbe fare anche a meno.. ti metto i cerotti però poi giovedì ti tocca tornare a toglierli.
e io: no guarda adesso li voglio fare per forza

morale: ora sono tutta incerottata, giovedì mi sa che dovrò rifare la coda, la trafila con l'infermiera...

1 commento:

pbeneforti ha detto...

ma come, carichi tutto questo pathos sull'errore di nome e poi lo lasci irrisolto?