giovedì 8 aprile 2010

cose che succedono per le scale

Ci sono dei giorni che mi pare di essere masochista. Tipo stamani che mi sono alzata presto e c'era il sole ed era una giornata bellissima e allora ho deciso di uscire per andare a fare tutta una serie di cose burocratiche che rimanda rimanda erano lì ad aspettare me. E visto che c'ero ho anche deciso di andare coi mezzi pubblici, così oltre alle attese negli uffici stavo anche le mezz'ore alle fermate dell'autobus che per passare una mattinata di sole e bel tempo è proprio il meglio che una può scegliere. Insomma una di quelle mattine che vai a pagare il bollettino da una parte e poi vai a consegnare la ricevuta da un'altra; vai a farti dare un foglio da una parte e poi ti vai a far mettere un timbro da un'altra; compri una marca da bollo da una parte e poi la vai a portare da un'altra. Meno male che c'era il sole ed era una giornata bellissima.
Solo che a un certo punto mi sono ritrovata per le scale di un anonimo palazzone fiorentino anni '60 e c'eravamo io e una signora che scendevamo. Io davanti e lei una decina di scalini dietro a me. Alzo lo sguardo e mi vedo arrivare incontro un tipo, ma proprio un bel tipo. Avrà avuto la mia età, atteggiamento e abbigliamento sportivo, magro, moro, alto, capelli corti. Di quelli che li noti. E io allora mica ho resistito, ho fatto tre scalini saltando e l'ho abbracciato e gli ho dato due gran baci, uno di qua e uno di là. Al che lui mi ha guardato interdetto, mi ha allontanato un po' e mi ha detto: "Scusi ma noi ci conosciamo?". Al che io l'ho guardato meglio e sono rimasta un po' così e gli ho risposto: "No, solo che io faccio così con tutti quelli che incontro per le scale". Nel frattempo va detto che la signora assisteva alla scena perché noi accupavamo tutto il pianerottolo. Allora lui mi sfoderato un gran bel sorriso e mi ha detto: "E quand'è allora che ripassi da qui?". E io allora sono stata al gioco e gli ho detto: "beh martedì mattina" (che ci devo tornare davvero a prendere delle cose) e lui si è messo a ridere e mi ha detto: "beh dovrò per forza farmi ritrovare". Si è spostato e ha continuato a salire e io sono scesa e uscita. Dietro di me questa signora con una faccia che vi giuro era da fotografia.

Cinque minuti dopo ero alla fermata dell'autobus e ho sentito questa suoneria "vetro" che ho messo agli sms e mi è venuto da sorridere che io di recente quando mi arrivano gli sms sorrido sempre. Guardo lo schermo e vedo un messaggio: "hai l'onore di essere l'amica in assoluto più stupida che ho, prima di martedì ce la mangiamo una pizza?". Ecco io stasera vado a mangiare la pizza con l'amico in assoluto più idiota che ho, mentre la signora secondo me è ancora a pensare a questa scema che bacia tutti quelli che incontra per le scale.

7 commenti:

Zu ha detto...

che bella sei

simple ha detto...

fantastica!
:D

claire ha detto...

ahaha sei stata fantastica!

Michiamomitia - fu fatacarabina ha detto...

bellissimo :)

domi ha detto...

io vorrei sapere chi ha provato a baciare per le scale la signora, per trovare un figo anche lei
;-)

chiaratiz ha detto...

:-)

Mitì ha detto...

Bella l'amicizia che fa sorridere :-*